Patrick Zaki è libero. E’ stato scarcerato da un Commissariato di Mansura nel primo pomeriggio di oggi mercoledì 8 dicembre 2021 dopo 22 mesi di prigionia. La notizia dell’imminente scarcerazione era giunta subito dopo l’udienza di martedì 7 dicembre 2021. Il processo è tutt’ora in corso e Patrick dovrà presentarsi alla prossima udienza prevista il 1 febbraio 2022.

Lunedì 6 dicembre 2021, la consigliera comunale PD Rita Monticelli, nonché coordinatrice del master in studi di genere dell’Università di Bologna, era intervenuta ad inizio seduta in Consiglio comunale sul caso di Patrick Zaki per partecipare poco dopo in rappresentazione del Comune di Bologna anche alla manifestazione organizzata da Amnesty International ai Giardini Margherita “Riportami in piazza Maggiore”.

Palazzo del Podestà era illuminato di giallo, un giallo pieno di speranza, il colore della campagna di Amnesty International per la liberazione di Patrick Zaki.

Martedì 7 dicembre 2021 si era svolto il processo presso il Tribunale speciale di Mansura a carico dello studente egiziano dell’Università di Bologna, cittadino onorario di Bologna, con la notizia che sarà scarcerato.

La felicità della città di Bologna che continua a lottare per la sua assoluzione.

Rita Monticelli, la professoressa di Zaki: “Questo è un passaggio importantissimo, sono commossa, una grande gioia per lui, i suoi cari, per noi. Penso a lui che adesso può uscire dal carcere. Ma non è finita qui, noi continueremo a lottare. Il nostro sostegno non si ferma, dovremo prepararci per la prossima udienza affinché sia assolto“.

In allegato e tramite link sono inoltre disponibili i comunicati stampa del Sindaco Matteo Lepore del 7 e dell’8 dicembre 2021.