Lunedì 19 dicembre 2019 il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità nella sessione dedicata al Bilancio 2020-2022 l’ordine del giorno 275.50 firmato, tra l‘altro, anche dal consigliere comunale PD Francesco Errani riguardo il monitoraggio della regolarita’ del lavoro nei pubblici esercizi e la verifica degli accertamenti posti in essere dagli organi competenti.

Di seguito il testo dell‘ordine del giorno. Online è inoltre disponibile il relativo comunicato stampa.

Per conoscere le principali novità ed accedere alla documentazione completa relativa al Bilancio 2020-2022, unitamente ai testi delle delibere, è disponibile tramite link il comunicato stampa  e consultabile online la sezione dedicata del sito del Comune di Bologna. Tutta la documentazione del Bilancio sarà disponibile nei prossimi giorni nella versione definitiva alla pagina web sul Bilancio del Comune di Bologna.

Tramite i correlati si rinvia inoltre direttamente all’area specifica del nostro sito sul Bilancio 2020 – 2022.

IL CONSIGLIO COMUNALE

Premesso che

La città di Bologna vive, da alcuni anni a questa parte, una fase di sviluppo economico, legata a svariati elementi di attrattività che l’hanno resa meta di turismo anche internazionale;

non è frattanto diminuito, dall’Italia e dall’estero, il flusso di giovani studenti verso l’Alma Mater Studiorum, mentre altri fattori d’attrazione si aggiungono, amplificandosi a vicenda posto che Bologna è, da qualche tempo, Città del cibo, Città della musica, Città del cinema.

Considerato che

questi elementi hanno favorito l’apertura di pubblici esercizi con spazi ristoro esterni e interni nonché l’incremento dei relativi volumi d’affari, con conseguente positivo impatto occupazionale nel settore terziario.

Considerato altresì che:

in presenza di una rapida crescita della domanda si possono determinare condizioni di precarietà e sfruttamento del lavoro nella ristorazione e nei pubblici esercizi, con coeva crescita delle forme d’impiego irregolare, saltuario, intermittente o di breve durata.

Tenuto conto che:

con delibera del 14.12.2018 è stato approvato il NUOVO REGOLAMENTO PER L’OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO PER SPAZI DI RISTORO ALL’APERTO ANNESSI A LOCALI DI PUBBLICO ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE;

In quella sede si è svolta in Consiglio comunale un’articolata discussione relativa all’opportunità di condizionare la concessione, il mantenimento e/o la disciplina degli spazi ristoro all’aperto, alla regolarità e qualità del lavoro;

In particolare, l’attuale formulazione dell’art. 12 prevede la sospensione della concessione “quando il titolare dell’esercizio abbia ricevuto, con sentenza passata in giudicato, un provvedimento di condanna della magistratura del lavoro in ordine a gravi violazioni quali, a titolo esemplificativo, violazioni delle norme in materia di salute e sicurezza sul lavoro, di tutela della maternità e paternità, evasione contributiva, abuso delle forme di lavoro flessibile, gravi o reiterati inadempimenti retributivi”.

Invita il Sindaco e la Giunta

a monitorare lo stato dell’arte, specie nel centro storico, per eventualmente sollecitare opportuni controlli da parte dell’Ispettorato del lavoro e delle autorità competenti;

a verificare se e quali accertamenti siano stati in concreto posti in essere dagli organi competenti e con quale esito, onde applicare le previste sanzioni nell’eventualità di provvedimenti di condanna della magistratura del lavoro.

F.to: F. Martelloni, E. M. Clancy, A. Palumbo, F. Errani.