Di seguito la domanda di attualità del consigliere comunale Francesco Errani.

Bologna, 18 marzo 2021

Al Sindaco
del Comune di Bologna

Il sottoscritto Francesco Errani, Consigliere comunale del Gruppo Partito Democratico, in base all’art. 58 del Regolamento sul funzionamento del Consiglio Comunale – seduta di Question Time del 19 marzo 2021.
Visto la rassegna stampa in merito alla situazione legata all’emergenza Covid-19, in particolare alla didattica a distanza per i figli del personale sanitario direttamente impegnato nel contenimento della pandemia.
Considerato che il dramma della pandemia sta ampliando la disparità che già esisteva tra uomini e donne, essendo le donne maggiormente impiegate nell’assistenza sanitaria (ospedali e case di cura) e occupandosi spesso dell’educazione dei figli, della famiglia e degli anziani.
Considerato, inoltre, che Regione Emilia-Romagna, Anci regionale e Comune di Bologna hanno scritto al Governo e al Ministro dell’Istruzione per chiedere chiarimenti urgenti rispetto all’attività in presenza in zona rossa, a seguito dell’entrata in vigore dell’ultimo Dpcm del 2 marzo, per l’impatto del provvedimento sulle famiglie e sulla conciliazione dei tempi di vita e lavoro, a seguito della sospensione delle attività in presenza della scuola e dei servizi per l’infanzia.
Considerato, infine, che la maggioranza dei Paesi europei, anche nei momenti più difficili della pandemia, ha mantenuto aperti nidi, scuole dell’infanzia e primarie, in particolare per i figli del personale sanitario.

Invita cortesemente il Sindaco e la Giunta:

ad esprimere una valutazione politica sull’opportunità di assicurare, in collaborazione con Regione e Ufficio scolastico territoriale/regionale, a tutti i figli del personale sanitario una didattica in presenza nelle scuole e servizi educativi, in modo sicuro.

f.to: F.Errani