Lunedì 7 novembre 2022 il Consiglio comunale di Bologna ha approvato all’unanimità un ordine del giorno presentato dalla consigliera comunale PD Roberta Toschi sull’introduzione e implementazione della Carta della Disabilità, che promuove l’accesso agevolato a persone disabili e a chi le accompagna ai luoghi della cultura.

L’ordine del giorno è stato inoltre firmato dai consiglieri e consigliere comunali PD Michele CampanielloCristina Ceretti, Antonella Di PietroRita MonticelliGiulia BernagozziFranco CimaClaudio Mazzanti, Loretta BittiniVincenzo NaldiMaurizio Gaigher, Giorgia De GiacomiMery De Martino.

Di seguito il testo dell’ordine del giorno approvato e il video dell’intervento di inizio seduta e la seguente discussione in aula.

Il Consiglio Comunale di Bologna
Premesso che

la legge di Bilancio 2019 (legge 30 dicembre 2018, n. 145), all’art. 1, co. 563 prevede il rilascio della Carta europea della disabilità in Italia in adesione al protocollo europeo;
il Ministro per la famiglia e le disabilita’, di concerto con i Ministri del lavoro e delle politiche sociali, delle infrastrutture e dei trasporti e per i beni e le attività’ culturali, ha emanato apposito decreto tanto che l’articolo sopracitato risulta in vigore a far data dal 16 febbraio 2022;
il Ministero per la Disabilità e Inps (ente individuato per la verifica delle domande) hanno già provveduto a mettere online le pagine informative e per la richiesta di emissione;
la richiesta della Carta della Disabilità può essere presentata direttamente a Inps o tramite le associazioni di categoria ANMIC, ENS, UIC, ANFFAS in modo da agevolare i richiedenti;

Considerato che

da sempre l’attenzione va e deve essere rivolta ai più deboli, fra cui gli affetti da disabilità;
la Carta della Disabilità risulta già attiva e applicata in altri paesi europei come Belgio, Finlandia, Estonia, Cipro, Romania e Slovenia;
l’Italia risulta uno dei Paesi che hanno aderito al progetto ancor prima di Francia, Germania e Spagna, Paesi che non al momento attuale hanno ancora aderito alla Disability Card;
l’introduzione della Carta della Disabilità guarda all’integrazione delle persone diversamente abili nella società;

Tenuto conto che

tale Carta permette ai titolari di accedere a gratuità, sconti o agevolazioni in varia forma previste per alcuni servizi e tariffe fra cui anche quelle previste dal Decreto Ministeriale 20 aprile 2006 num 239;
la stessa Carta avrà con ogni probabilità ulteriori sviluppi di utilizzo vista la valenza europea del progetto;
anche i turisti e cittadini stranieri, titolari di una Carta Europea della Disabilità europea, potranno accedere più facilmente ai servizi e ai beni messi a disposizione;
la stipula della suddetta convenzione permetterebbe all’Amministrazione comunale di partecipare attivamente alla costruzione di una società inclusiva, come da mandato per Statuto;

Invita il Sindaco e la Giunta

A sottoscrivere l’apposita convenzione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri – Ufficio per le politiche in favore delle persone con disabilità, affinché i possessori della predetta carta possano aderire a beni e servizi pubblici e privati gratuitamente o a tariffe agevolate presso Musei e spazi espositivi afferenti al Comune di Bologna;

f.to: Roberta Toschi, Michele CampanielloCristina Ceretti, Antonella Di PietroRita MonticelliGiulia BernagozziFranco CimaClaudio Mazzanti, Loretta BittiniVincenzo NaldiMaurizio Gaigher, Giorgia De GiacomiMery De Martino.