Lunedì 21 dicembre 2020 il consigliere comunale Francesco Errani è intervenuto ad inizio seduta in Consiglio comunale in merito alla riapertura delle scuole superiori a partire dal 7 gennaio p.v.

Online è inoltre disponibile il comunicato stampa.

La scuola italiana è stata la prima a chiudere e l’ultima a riaprire per l’emergenza Covid-19, sia durante la prima che la seconda violenta ondata della pandemia. Nel resto d’Europa, i paesi europei hanno continuato a garantire la didattica in presenza, nonostante il Coronavirus.
Le nostre scuole sono sicure. Lo ha dichiarato il Commissario straordinario Domenico Arcuri, e lo hanno ricordato sia il Coordinatore del Comitato tecnico scientifico nazionale che il direttore del dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl di Bologna Paolo Pandolfi, quando hanno ribadito che la scuola non risulta faccia crescere i contagi, ma è uno dei luoghi più protetti.

Gli studenti delle scuole secondarie di II grado rientreranno quindi in presenza a partire dal 7 gennaio 2021 e, come amministratori, dobbiamo dare priorità all’educazione, costruendo soluzioni non solo per riaprire le nostre scuole ma anche per garantire la continuità della didattica in presenza: una nuova organizzazione, differenziando orari e organizzando turni mattina e pomeriggio, il potenziamento del trasporto pubblico, e la valorizzazione della comunità educativa.

A tutti i tavoli provinciali coordinati dai prefetti devono essere invitati i dirigenti scolastici e i tutti i Sindaci dei Comuni dell’area metropolitana di Bologna che conoscono le esigenze del territorio, per studiare insieme l’adozione di soluzioni per rendere possibile e soprattutto duraturo il rientro in classe degli studenti delle scuole superiori.

La scuola deve ripartire, perché l’educazione è il futuro, immediato e prossimo, delle nostre città e del nostro Paese.

Allegati

Correlati