Lunedì 30 settembre 2019 il consigliere comunale PD Claudio Mazzanti è intervenuto in Consiglio comunale in tema di Forze dell’Ordine e riguardo la necessità di dotazione adeguata di strumenti operativi.

Di seguito il testo dell’intervento.

In ordine di presentazione il mio primo intervento è riferito all’articolo apparso sulla stampa quotidiana da parte di un sindacato di Polizia che lamenta la scaristà di attrezzature.

Devo dire che sono stato facile profeta nel portare giorni addietro, sia con domande d’attualità che con interventi di inizio seduta, la situazione delle Forze di PS.

Emerge che, non solo di tutte le assunzioni promesse non se ne è fatta alcuna, anche se ripeto i bandi risalgono a due anni fa, le gare sono state espletate e occorreva prevedere l’assunzione dei famosi ottomila agenti, ma adesso salta fuori che non si è ancora provveduto ad assumerli, quindi non erano stati neanche preventivati gli atti per fare queste assunzioni.

Mancano perfino divise e i distintivi di riconoscimento. Da questo punto di vista credo che, le intenzioni positive che la nostra Prefettura, in collaborazione con il Comune di Bologna, ha attivato insieme alle nuove proposte del Questore per il controllo del territorio, siano atti importanti, mi chiedo però come si attuerà tutto ciò senza un numero adeguato di agenti e mezzi. Quindi non voglio più di tanto polemizzare né tantomeno dire o ripetere quanto già precedentemente detto. Bisogna essere coerenti e quindi, quando l’ex Ministro Salvini viene a Bologna e si sparano notizie e si mandano in giro anche le tabelle con le quantità di organico che dovevano essere assunte e mandate, ed era una bufala, vergognosamente bufala, perché non c’era un atto ufficiale che prevedesse il trasferimento di personale, né tantomeno l’assunzione in organico di queste persone, oggi si viene a sapere che nemmeno questo è stato fatto.

Mi auguro che l’attuale Ministro degli interni, che è un Prefetto di lunga esperienza, rimedi, io dico “metta una pezza” alle cose dette in passato e agli atti, in modo da poter assumere quello che il decreto Madia prevedeva, i decreti attuativi con l’indizione dei bandi che aveva emesso il Ministro degli interni Minniti e si proceda con le relative assunzioni e con l’acquisto di mezzi, divise, strumenti di riconoscimento, che gli agenti di PS, come tutti i lavoratori, devono avere.

Debbo dire che le denunce di scarsità di uomi e mezzi si sono sentite da più parti: se vi ricordate, l’altra settimana un altro sindacato, in questo caso è il SAP, giorni addietro era il SIULP e poi il SILP. Ormai è un coro, indipendentemente dalla collocazione politica dei vari sindacati, che vedo è unanime. Pertanto credo che occorra, ed è un invito che faccio all’Amministrazione comunale, interloquire con il governo nazionale per dare corso a quelle assunzioni e forniture di mezzi che dovevano essere fatte già un anno fa, visti i decreti e le coperture economiche finanziarie.