Coronavirus, il Consiglio comunale e le Commissioni consiliari

si terranno in videoconferenza

Dalla settimana che inizia con lunedì 16 marzo, tutte le commissioni consiliari e le sedute del Consiglio comunale di Bologna, sia ordinarie che di Question Time, si terranno in videoconferenza. La macchina comunale stava già approntando le specifiche tecniche quando il Dpcm dell’11 marzo ha ulteriormente imposto di ridurre riunioni e attività che prevedono la presenza fisica delle persone. Grazie al lavoro del settore Agenda Digitale, Bologna si conferma all’avanguardia nell’utilizzo delle nuove tecnologie al servizio dell’attività politica e amministrativa.

“L’utilizzo di strumenti di videoconferenza consentirà di garantire la piena continuità dell’attività politica e amministrativa – afferma Luisa Guidone, Presidente del Consiglio comunale – nel rispetto delle misure di contrasto alla diffusione del coronavirus. Si tratta del primo esperimento di questo tipo in un grande Comune italiano. Contribuiremo così a salvaguardare anche in un momento di grandissima difficoltà l’esercizio delle prerogative dei consiglieri e dell’organo democratico per eccellenza della nostra città”.

Si parte lunedì 16 marzo con la commissione “Pianificazione, contabilità e controllo di gestione” che si terrà alle 9 in videoconferenza. Mercoledì 18 marzo alle 12.30, sarà la volta del Consiglio comunale: prima con la seduta di Question Time e, a seguire, con quella ordinaria. Il Consiglio comunale si terrà in videoconferenza e sarà possibile vederlo anche in streaming.

Per poter assistere da remoto alla prossima seduta del Consiglio comunale in videoconferenza potrà accedere direttamente tramite link oppure visitare la pagina del sito Iperbole dedicata. Il relativo comunicato stampa sul sito del Comune di Bologna al seguente link.